Rinoplastica – Chirurgia estetica naso

L’obiettivo della rinoplastica è di ricreare le opportune proporzioni tra le porzioni del naso (sia ossee che cartilaginee) e le altre unità estetiche del viso. Per ottenere ciò, è indispensabile un’attenta valutazione del volto e dei piani composti da fronte-occhi e bocca-mento. Anche il sesso del paziente e la sua particolare personalità sono fattori tenuti in considerazione alla Pallaoro Medical Laser per proggettare il nuovo profilo del naso.

La rinoplastica detta “primaria” è l’intervento realizzato su di una piramide nasale sulla quale non si è ancora intervenuti chirurgicamente.

Questa procedura al giorno d’oggi non viene quasi più realizzata in anestesia generale, perché gli stessi benefici si possono ottenere con l’ anestesia locale accompagnata da sedazione profonda, e in più si evitano i disagi legati al risveglio dell’anestesia generale, potendo così tornare a casa già dopo alcune ore dalla rinoplastica.

I tempi dell’ intervento variano secondo il disegno operatorio previsto, ma possono oscillare tra la mezzora e l’ora e mezza. Due sono le tipologie di rinoplastica: essenzialmente aperta e chiusa.

rinoplastica anatomia

Il paziente ideale per la rinoplastica

Se la forma del naso non si accorda con i canoni del viso e con la personalità dell’individuo, tanto da arrivare a farlo soffrire psicologicamente per questo, certamente la rinoplastica può concretamente aiutare a risolvere il problema. Le caratteristiche più comuni presenti nei pazienti che si sottopongono a questo intervento sono naso aquilino, naso a patata o punta carnosa, naso a sella, naso deviato / storto, naso grosso in proporzione al viso, narici larghe e gibbo nasale.

Anche l’età può essere un motivo per spingere il paziente a sottoporsi alla rinoplastica. Infatti, il naso sembra più lungo con il trascorrere degli anni, e la rinoplastica aiuta a ringiovanire l’immagine di tutto il viso.

Le aspettative sono un elemento importante per la soddisfazione finale del paziente. Infatti, bisogna ricordare che la rinoplastica può aiutare a migliorare la percezione di sé e il proprio rapporto con gli altri, ma questa è solo una conseguenza, non certo l’obiettivo della rinoplastica. Inoltre, non si può pretendere di diventare un altro solo per un ritocco al naso! I candidati ideali a questo intervento hanno aspettative concrete e realistiche e sanno che con la rinoplastica è possibile migliorare forma, dimensione e funzionalità della piramide nasale.

rinoplastica paziente
Consulenza fotografica di chirurgia estetica

Incisioni e modellamento naso: rinoplastica aperta e rinoplastica chiusa

Le incisioni previste per la rinoplastica aperta sono sia interne che esterne al naso. Per accedere alle strutture cartilaginee e muscose della piramide nasale, infatti, il chirurgo recide la columella, che è quella porzione a lembo di tessuto tra le narici.

Questo tipo di procedura, anche se offre una visuale migliore dell’intervento, ha la pecca di lasciare una cicatrice esterna, quantunque molto ben nascosta sotto il naso.

La rinoplastica chiusa non prevede invece incisioni sulla pelle, perché il modellamento del naso avviene attraverso le narici stesse. Da qui il chirurgo incide le muscose fino ad arrivare alla porzione di cartilagine o di osso da rimodellare. Quindi la zona può essere rimodellata secondo i piani preoperatori e secondo quanto possono offrire i tessuti. Una volta ritoccata la struttura del naso, cioè ossa e cartilagini, la pelle viene nuovamente riposizionata come copertura, senza che sia stata incisa.

rinoplastica intervento

La rinoplastica chiusa ha un ottimo rendimento estetico, poiché non lascia alcun segno visibile sulla pelle, ma è necessaria, per il chirurgo plastico, una grande conoscenza della procedura, una grande perizia manuale ed una esperienza notevole alle spalle.

L’ atto operatorio della rinoplastica moderna eseguita da un chirurgo di buona capacità ed esperienza ha una durata breve. La media degli interventi non dura più di 30 minuti.

Rinoplastica preparazione

Come ci si deve preparare all’intervento di rinoplastica? Chiaramente, oltre alla serie di indagini cliniche prescritte per accertare la salute del candidato all’intervento, dopo la visita con il chirurgo, vengono fornite le indicazioni da seguire per affrontare al meglio e senza rischi la rinoplastica.

Come indicazioni generali, viene detto di evitare fumo alcol e farmaci a base di acido acetilsalicilico per un paio di settimane prima della rinoplastica. Per comodità, poi è meglio comprare gli antidolorifici consigliati dal chirurgo (per il periodo post operatorio) prima dell’intervento.

Il giorno della rinoplastica, anche se si tratta di un intervento realizzato in giornata, senza ricovero, bisogna farsi accompagnare da qualcuno e non guidare assolutamente dopo l’intervento.

Maturare la decisione

Scegliere la chirurgia estetica non deve essere una decisione d’ impulso ma deve invece essere un processo decisionale meditato e maturo. Quando si scegli la rinoplastica è opportuno maturare la decisione per qualche tempo prima di procedere definitivamente.

Rinoplastica: Protocollo

La rinoplastica con tecnica “close technique” ha indicativamente questo protocollo:

Visita specialistica

Il chirurgo estetico visita il paziente candidato individuando gli inestetismi a carico del naso fonte del disagio. Si deve verificare la compatibilità tra il risultato ottenibile con l’intervento chirurgico al naso e le aspettative del paziente. Viene illustrata accuratamente la tecnica chirurgica, il tipo d’anestesia, le caratteristiche del post operatorio, i rischi e possibili complicanze.

Consenso informato

Il paziente quando decide di sottoporsi alla rinoplastica deve esprimere – anche in forma scritta –  il consenso informato e consapevole all’ intervento. Alla Pallaoro Medical Laser questo processo decisionale è supportato da un documento articolato ed illustrato anche graficamente.

Accertamenti clinici

Il paziente deve sottoporsi agli esami clinici prescritti dal medico. Si tratta di accertamenti finalizzati a certificare la compatibilità dello stato di salute con la rinoplastica. Essendo questo intervento a carattere estetico, la procedura è eseguibile solo quando il paziente non presenta patologie di rilievo. Una completa anamnesi specifica viene fatta a tale scopo.

Ricovero del paziente

Il paziente viene ricoverato alla mattina a digiuno da mezza notte. Il programma operatorio viene riconvalidato da parte del chirurgo estetico e gli esami medici vengono ricontrollati (double check) dall’ anestesista. Il paziente viene preparato nella propria abitazione e successivamente trasferito nel blocco operatorio.

Protocollo anestesiologico

L’ anestesia della rinoplastica è locale con sedazione. Si tratta quindi d’ infiltrazioni di anestetico direttamente nel naso che controllano il dolore durante l’ intervento chirurgico. Il protocollo anestesiologico alla Pallaoro Medical Laser prevede l’infiltrazione di adrenalina nell’ area sottoposta alla chirurgia. Questo farmaco riduce temporaneamente l’afflusso di sangue e quindi permette al chirurgo di operare in maniera meno cruenta.

Intervento chirurgico

La rinoplastica inizia eseguendo le incisioni all’ interno delle narici che permetterano al chirurgo di accedere alla piramide nasale. A seconda del tipo di correzione richiesta si procede al modellamento delle cartilagini alari, cartilagini triangolari, dorso del naso, setto nasale, ecc…

Le incisioni eseguite all’ interno delle narici non sono visibili. Alla fine dell’ intervento vengono inseriti piccoli tutori endonasali e uno splint esterno con la finalità di supportare la forma del naso durante i primi giorni di guarigione.

Rinoplastica – Dopo l’ intervento

Al termine della fase di sutura, il chirurgo inserisce nelle narici due tutori di 1 cm di profondità massima che hanno la funzione di mantenere aperte le cavità per una futura corretta respirazione. Non vengono impiegati i classici tamponi. Sopra il naso invece viene modellato un tutore, una sorta di mascherina rigida che, appoggiata saldamente sulla piramide nasale, favorisce il riassestamento dei tessuti nella posizione corretta. Inoltre, il tutore rigido, che va portato mediamente un paio di settimane, serve a proteggere la zona operata dagli urti accidentali.

Nei tempi successivi, anche per un mese dopo la rinoplastica, la mascherina può essere utile quando si utilizzano gli occhiali, in modo che la montatura non poggi direttamente sulla porzione ossea.

Dopo 24 ore o più, secondo la tecnica impiegata, vengono rimossi i tutori dalle narici. Al paziente vengono consigliati alcuni comportamenti ideali da tenere nei primi giorni post rinoplastica, onde favorire la guarigione e limitare il gonfiore. L’applicazione di compresse fredde è di aiuto per contenere l’edema, così come dormire con due cuscini sotto la testa.

rinoplastica post operatorio

È normale che il paziente avverta pesantezza e gonfiore e spesso sono visibili ecchimosi sotto gli occhi che migliorano nel corso di un paio di settimane. I controlli previsti sono due o tre, svolti per cambiare la mascherina dopo una settimana e per controllare il decorso post operatorio.

Anche se dopo due o tre settimane il naso è presentabile e il gonfiore non si nota, bisogna tenere conto che i tessuti coinvolti dal rimodellamento sono anche le ossa della struttura nasale, e la loro completa guarigione avviene lentamente, fino a normalizzarsi dopo circa sei mesi, anche un anno.

L’indicazione principale in questo periodo è di non urtare il naso, quindi evitare sport che comprendono questo rischio. Il lavoro e la vita sociale può essere ripresa già dopo 14-20 giorni, una volta rimosso il tutore esterno: l’intervento chirurgico non è già più rintracciabile esternamente.

Rinoplastica risultati

Durante i primi giorni dopo l’intervento, si faranno evidenti i segni bluastri delle ecchimosi. La cosa è normale (e comunque ridotta dalla presenza della mascherina contenitiva) e la situazione migliora progressivamente.

Già dopo due settimane la pelle ha in genere ripreso la colorazione normale e si possono riprendere le normali attività sociali senza imbarazzo. Ma per vedere l’esito definitivo della rinoplastica bisogna attendere che i tessuti interni si siano completamente assestati, cosa che avviene molto lentamente, in capo a sei mesi circa.

Video – testimonianza dei pazienti

rinoplastica video 01

La rinoplastica eseguita correttamente offre risultati estetici molto positivi per quanto riguarda l’ armonia generale del viso. Il grado di soddisfazione dei pazienti – normalmente – è molto alto. Va comunque sottolineato che il paziente candidato a questo intervento deve avere aspettative realistiche. questo argomento è oggetto di approfondimento durante la visita medica.

Rinoplastica – Costi

I costi della procedura di rinoplastica possono variare molto in funzione della specifica difficoltà dell’intervento. Il costo medio è di 4000€ e comprende tutte lo voci di spesa (chirurgo plastico, anestesista, sala operatoria, ricovero, personale infermieristico, medicazioni e controlli post operatori. Se la rinoplastica coinvolge anche la struttura funzionale (settoplastica) il costo aumenta di circa 2000€.

Pagine collegate: Rinoplastica costi

La Pallaoro Medical Laser offre ai propri pazienti la possibilità di pagare a rate in maniera tale da rendere meno pesante lo sforzo finanziario.

Attenzione: Il prezzo dell’ intervento indicato comprende tutto! Sono quindi compresi l’onorario del chirurgo estetico, l’ onorario dell’anestesista, il costo della sala operatoria, il ricovero, le medicazioni post operatorie e gli eventuali controlli post operatori.

rinoplastica costi dell' intervento

Cosa dice chi si è già operato di rinoplastica?

Rinoplastica Padova

… Che dire del dott. Pallaoro che ti rassicura e ti spiega passo passo tutto l’iter dell’intervento e già ti fa sentire bellissima…

D.S. – 35 anni
Padova

Rinoplastica Milano

Ho fatto l’intervento 4 mesi fa presso la clinica. Posso ad oggi dire che ho ancora un ottimo ricordo di tutto: la competenza, gentilezza…

M.L. – 36 anni
Milano

Rinoplastica Roma

Sono soddisfatta del risultato ottenuto…. Dò un giudizio positivo sia sotto il profilo chirurgico… Ritengo che il rapporto qualità prezzo sia più che buono…

C.C. – 40 anni
Roma

Rinoplastica Palermo

Avevo fatto la rinoplastica  spinta da ragioni funzionali e dai risultati ottenuti da altri vostri pazienti che avevano già fatto l’intervento…

S.C. – 39 anni
Palermo

Rinoplastica Firenze

Le persone che conosco (nuove) non si accorgono che è rifatto, molto naturale! Sono felice! Mi sono fatta un regalo che mi rifarei subito…

M.C. – 28 anni
Firenze

Rinoplastica Bari

Ho conosciuto la Pallaoro tramite internet e mi è parsa subito all’avanguardia e professionale…. Mi ha tolto ogni più piccolo dubbio…

M.M.R. – 48 anni
Bari

Rinoplastica secondaria

La cosiddetta rinoplastica “secondaria” è invece l’intervento che viene realizzato in un secondo momento, dopo una precedente rinoplastica, per correggere difetti che non hanno subito miglioramenti con il primo intervento, oppure per modificarne gli esiti estetici o funzionali.

L’obiettivo della rinoplastica secondaria è ripristinare una forma della piramide nasale che sia il più possibile naturale, che sia bilanciato come dimensioni con il resto del viso e che svolga una corretta funzione respiratoria.

La rinoplastica secondaria ha tempi e anestesia simili a quella primaria, ma molto è legato al tipo di correzione prevista e al tipo di tessuti del paziente. In funzione del tipo di situazione riscontrata dopo la prima rinoplastica, la seconda potrà avere un risultato più o meno soddisfacente.

 

La rinoplastica fa male?

La rinoplastica moderna è molto meno invasiva e quindi non è previsto dolore né durante l’intervento né dopo. Grazie alle tecniche chirurgiche avanzate il paziente non deve sentire dolore.

L’ eventuale dolore diventa conseguentemente un segnale da considerare come probabile complicanza, come ad esempio una qualche infezione. Nella rinoplastica comunque le complicanze che possono generare una sensazione dolorosa sono estremamente rare.

Il chirurgo estetica prescrive gli eventuali analgesici che possono essere assunti per controllare il dolore post operatorio. Non tutti i pazienti assumono analgesici in quanto non risultano essere assolutamente necessari.

rinoplastica dolore

La rinoplastica maschile è diversa da quella femminile?

La forma e le dimensioni del naso contribuiscono a marcare la mascolinità e la femminilità di un viso (pensate all’effetto di tali caratteristiche in sessi opposti!) La rinoplastica maschile tende al raggiungimento di un naso diritto, più virile, ben proporzionato agli altri due piani che compongono il viso (fronte-occhi e bocca-mento). La rinoplastica femminile ambirà invece ad un risultato più delicato, intervenendo se è il caso sulla punta, proiettandola leggermente verso l’alto al fine di addolcire i lineamenti. Oltre al sesso, vengono presi in considerazione altri fattori.

Vedi: Rinoplastica genere.

Consulenza online

Domande sulla rinoplastica

Il tuo cambiamento inizia con l'informazione!

Ho paura dell’ intervento. Posso farlo in anestesia generale?

Per fare in modo che il paziente non sia vigile durante l’intervento non serve l’anestesia generale. La rinoplastica alla Pallaoro Medical Laser viene eseguita in anestesia locale e sedazione profonda. Il paziente “non partecipa” all’ intervento ma ha tutti i vantaggi di sicurezza dell’anestesia locale. Consulenza online

Nostra rinoplastica in Italia