chirurgia estetica addominoplastica uomo

Uomo: Rassodare l’addome con l’addominoplastica maschile

L’addominoplastica maschile è un intervento chirurgico volto a migliorare l’aspetto dell’addome maschile. Questa procedura è particolarmente indicata per uomini che, nonostante una dieta equilibrata e un regolare esercizio fisico, non riescono a eliminare l’eccesso di pelle o di grasso addominale, o hanno muscoli addominali allentati, spesso a seguito di significative variazioni di peso o con l’avanzare dell’età.

Durante l’addominoplastica, il chirurgo effettua un’incisione sopra l’area pubica, attraverso la quale rimuove l’eccesso di pelle e grasso. Se necessario, può anche riparare e rafforzare i muscoli addominali indeboliti o separati, un processo noto come diastasi dei retti. Questo intervento aiuta a creare un addome più piatto, tonico e definito, contribuendo a migliorare l’immagine corporea e la fiducia in se stessi.

Il dott. Pallaoro e il team di Pallaoro Medical Laser si dedicano a offrire un’esperienza personalizzata e confortevole, utilizzando tecniche all’avanguardia per minimizzare il disagio post-operatorio e migliorare i risultati estetici. La consultazione iniziale è un momento fondamentale per discutere aspettative e obiettivi, permettendo di delineare il percorso chirurgico più adatto alle esigenze del paziente.

Prima dopo

addominoplastica maschile 01
addominoplastica maschile 01
addominoplastica maschile 03
addominoplastica maschile 04

Paziente adatto all’addominoplastica maschile

Dal punto di vista anatomico l’addome adatto all’intervento di addominoplastica maschile presenta alcune caratteristiche specifiche. Queste caratteristiche includono:

  1. Eccesso di pelle: Dopo significative perdite di peso, invecchiamento, o a seguito di variazioni del peso corporeo, la pelle dell’addome può diventare flaccida e non ritornare alla sua forma originale. L’addominoplastica può rimuovere questo eccesso di pelle, restituendo un aspetto più tonico e definito.
  2. Accumuli adiposi: Anche gli uomini che seguono una dieta equilibrata e praticano regolare attività fisica possono avere aree di grasso addominale che non rispondono a questi sforzi. L’addominoplastica, spesso abbinata alla liposuzione, può eliminare questi depositi di grasso, migliorando il contorno corporeo.
  3. Debolezza muscolare o diastasi dei muscoli reti addominali: La separazione dei muscoli addominali, nota come diastasi dei retti, può verificarsi a seguito di gravidanza, obesità o semplicemente con l’età. Questa condizione contribuisce a un aspetto gonfio dell’addome. L’intervento può rafforzare e riparare questi muscoli, offrendo un addome più piatto e stabile.

Dal punto di vista del paziente, lo stesso dovrà presentare le seguenti caratteristiche:

  1. Buona salute generale: I candidati ideali per l’addominoplastica sono generalmente in buona salute, senza condizioni mediche che potrebbero complicare la chirurgia o il recupero. Una buona salute contribuisce a una guarigione ottimale e riduce il rischio di complicazioni.
  2. Aspettative Rrealistiche: È importante avere aspettative realistiche riguardo ai risultati dell’intervento. L’addominoplastica può offrire miglioramenti significativi nell’aspetto dell’addome, ma è fondamentale discutere apertamente con il chirurgo i risultati desiderati.
  3. Stabilità del peso: Idealmente, i candidati dovrebbero aver raggiunto e mantenuto un peso stabile prima dell’intervento. Fluttuazioni significative del peso dopo l’operazione possono influenzare i risultati.

Anestesia

L’addominoplastica per gli uomini, proprio come per le donne, richiede un’attenzione particolare alla scelta dell’anestesia per garantire il massimo comfort e la sicurezza del paziente durante l’intervento. Il tipo di anestesia utilizzato può variare a seconda della complessità dell’intervento, delle condizioni di salute del paziente e delle preferenze del chirurgo.

Anestesia Generale

La maggior parte delle addominoplastiche viene eseguita sotto anestesia generale. Questo tipo di anestesia rende il paziente completamente incosciente durante l’operazione, eliminando qualsiasi sensazione di dolore. L’anestesia generale è spesso preferita per interventi di maggiore entità come l’addominoplastica, poiché permette al chirurgo di lavorare senza che il paziente avverta disagio o si muova. Prima dell’intervento, un anestesista qualificato discuterà con il paziente per assicurarsi che l’anestesia generale sia la scelta più sicura basata sulle sue condizioni mediche e sulla storia clinica.

Sedazione Endovenosa

In alcuni casi, specialmente in procedure meno invasive, può essere considerata la sedazione endovenosa, combinata con l’anestesia locale. Questo approccio mantiene il paziente in uno stato di coscienza ridotta, ma rilassato e senza dolore. Tuttavia, per la maggior parte delle addominoplastiche, che richiedono un accesso più esteso e un lavoro più complesso, l’anestesia generale rimane l’opzione preferibile.

Anestesia Locale

L’anestesia locale, che desensibilizza solo una specifica area del corpo, raramente viene utilizzata da sola per l’addominoplastica a causa dell’estensione dell’area trattata e del livello di comfort richiesto durante un intervento di questa portata.

Addominoplastica: L’intervento maschile

L’intervento di addominoplastica, sia per gli uomini che per le donne, è una procedura chirurgica complessa che mira a migliorare l’aspetto dell’addome. Presso Pallaoro Medical Laser, sotto la guida esperta del dott. Pallaoro, l’operazione viene eseguita seguendo i più alti standard di sicurezza e con tecniche all’avanguardia per assicurare risultati ottimali. Di seguito, viene descritto dettagliatamente come si svolge l’intervento:

1. Valutazione pre-operatoria

Prima dell’intervento, il dott. Pallaoro effettua una valutazione completa del paziente, discutendo aspettative, obiettivi e qualsiasi preoccupazione. Questo momento include anche un esame fisico per valutare l’area da trattare e definire il piano chirurgico più adatto.

2. Preparazione all’intervento

Il paziente viene preparato per l’intervento, che include la pulizia dell’area addominale e, se necessario, la somministrazione di un sedativo per aiutare il paziente a rilassarsi. L’anestesia generale viene poi somministrata per garantire che il paziente rimanga addormentato e non avverta dolore durante l’operazione.

3. Incisione

L’intervento inizia con un’incisione orizzontale sopra l’area del pube, estendendosi da un fianco all’altro dell’addome, generalmente lungo la linea del bikini per minimizzare la visibilità delle cicatrici. La lunghezza e la forma dell’incisione dipendono dalla quantità di pelle da rimuovere e dagli obiettivi specifici dell’intervento.

4. Rimozione dell’eccesso di pelle e grasso

Dopo aver effettuato l’incisione, il dott. Pallaoro solleva la pelle e il tessuto adiposo dall’area sottostante per esporre i muscoli addominali. Viene quindi rimosso l’eccesso di pelle e grasso per creare un aspetto più piatto e tonico dell’addome. Se necessario, può essere eseguita anche la liposuzione per rimuovere il grasso addominale in eccesso e migliorare il contorno del corpo.

5. Riparazione dei muscoli addominali

In molti casi, l’intervento include la riparazione dei muscoli addominali allentati o separati (diastasi dei retti). Utilizzando suture, il dott. Pallaoro riposiziona questi muscoli più vicini al centro, rafforzandoli e creando un addome più piatto e una vita più stretta.

6. Riposizionamento della pelle e chiusura dell’incisione

La pelle rimanente viene tirata verso il basso, e il tessuto in eccesso viene rimosso. Se necessario, il dott. Pallaoro può anche ridisegnare l’ombelico per mantenere un aspetto naturale. Infine, l’incisione viene chiusa con suture, graffette chirurgiche, o nastri adesivi per la pelle.

7. Recupero post-operatorio

Dopo l’intervento, l’area trattata viene bendata, e possono essere inseriti drenaggi per rimuovere l’eventuale accumulo di liquidi. Il paziente riceverà istruzioni specifiche per la cura delle ferite, l’uso di eventuali indumenti compressivi, e la gestione del dolore. Le visite di controllo post-operatorie con il dott. Pallaoro sono essenziali per monitorare il processo di guarigione e assicurare i migliori risultati possibili.

Ogni fase dell’intervento di addominoplastica presso Pallaoro Medical Laser è eseguita con la massima attenzione e precisione, assicurando che ogni paziente riceva cure personalizzate e risultati che rispecchiano le proprie aspettative.

Sono un paziente adatto all’addominoplastica dell’uomo?

Il paziente adatto all’addominoplastica è un uomo che presenta una o più delle seguenti caratteristiche:

  • Addome prominente e cadente (pancia “a grembiule”)
  • Rilassamento ed eccesso cutaneo dell’addome
  • Rilassamento cutaneo con diastasi (separazione) dei muscoli addominali
  • Addome grinzoso
  • Addome adiposo e poco elastico

Il paziente adatto deve essere consapevole che la procedura – per rassodare la zona interessata – comporta incisioni e cicatrici. Le cicatrici dell’addominoplastica sono lunghe, orizzontali e posizionate nell’area inferiore dell’addome. Il paziente dovrà considerare l’esistenza delle cicatrici come coerenti con il risultato desiderato.

Uno stato di salute buono è necessario per sottoporsi a questa procedura. Lo stesso dovrà essere certificato dagli esami ematochimici e ECG realizzati prima della chirurgia estetica addominale.

addominoplastica uomo

Come sarà la prima visita?

Il paziente interessato all’ addominoplastica uomo dovrà descrivere al chirurgo estetico gli aspetti del proprio inestetismo addominale che le creano maggior disagio. Lo stesso – dopo avere compresso quali siano i risultati ottenibili nel proprio caso – dovrà chiarire se tali risultati sono coerenti con le proprie aspettative.

Il chirurgo estetico illustrerà la procedura chirurgica, il post operatorio, le cicatrici, i rischi e complicanze dell’ addominoplastica uomo.

Durate la visita dell’ addominoplastica maschile si dovrà verificare se la procedura sia compatibile con l’anamnesi specifica del candidato.

Prreparazione all’addominoplastica dell’uomo

Il paziente prima dell’intervento deve sottoporsi agli esami clinici prescritti. Dovrà smettere di fumare o ridurre al minimo le sigarette. Dovrà sospendere – in accordo con il proprio medico curante – i farmaci indicati dal chirurgo estetico (aspirina e altri farmaci che rendono più fluido il sangue e aumentano il rischio di emorragia). Il paziente dovrà organizzare la propria vita per le due settimane successive all’intervento, ricordando che durante tale periodo avrà limitazioni nei movimenti e dovrà osservare adeguato riposo post operatorio.

Come sarà il giorno dell’intervento d’addominoplastica?

Il giorno dell’ intervento chirurgico si dovrà presentare all’orario indicato durante la visita medica e confermato durante la telefonata preoperatoria del nostro staff di segreteria. È necessario il digiuno da almeno 7 ore e quindi di solito da mezzanotte. Sarà accolto dal nostro personale infermieristico e visitato dallo specialista in anestesia che convaliderà ulteriormente gli esami clinici e elettrocardiogramma. Con il paziente in posizione eretta, il chirurgo disegnerà con un pennarello demografico il programma d’intervento sulle zone stabilite.

L’atto chirurgico avviene in anestesia peridurale accompagnata da sedazione ed ha una durata di circa 60 minuti, ma varia a seconda che sia realizzata la sola correzione del rilassamento cutaneo o che vengano riposizionate anche le fasce muscolari .
L’eccesso di cute è concentrato prevalentemente nelle regioni sottombelicali mediana e paramediana. Le incisioni previste sono due: una che dal pube arriva alle spine iliache, l’altra appena sopra l’ombelico.
Da qui viene scollata e asportata la cute in eccesso, vengono avvicinate le fasce muscolari viene riposizionato l’ombelico. Gli eventuali depositi adiposi verranno poi aspirati tramite sottili cannule. In caso di forte alterazione della parete addominale e per un buon rimodellamento dei fianchi, vengono riposizionati anche i muscoli obliqui, oltre che i muscoli retti. L’attenzione dedicata al sistema superficiale di fasce consente di sollevare efficacemente i tessuti soggetti a ptosi e di fornire un sostegno di lunga durata con risultati naturali anche durante attività dinamiche. Verranno quindi applicati i punti di sutura e il bendaggio elastico della parte. Dopo l’intervento potrà riposare qualche ora prima di tornare a casa accompagnato, a meno che sia stata concordata una diversa sistemazione. Riceverà inoltre tutte le indicazioni relative ai comportamenti da tenere nel post operatorio (riposo, movimenti da evitare, farmaci da assumere, ecc.).

Cicatrici dell’ addominoplastica maschile

Le cicatrici del lifting addominale dell’uomo sono la programmata conseguenza delle incisioni realizzate per rimuovere la pelle in eccesso e produrre il desiderato rassodamento dell’addome. La cicatrice più importante è quella che rimane nella zona bassa dell’addome. Questa è causata dall’escissione di una porzione di pelle risultante da due incisioni che vanno da una spina illiaca all’altra percorrendo la linea superiore e quella inferiore. L’unione dei lembi forma la cicatrice orizzontale nascosta dalla biancheria intima. Nell’ addominoplastica dell’uomo la lunghezza delle incisioni e conseguentemente della cicatrice è connessa con il grado di rilassamento cutaneo.

Post operatorio dell’ addominoplastica uomo

La prima notte cenerà leggero e dovrà essere accompagnato. Stanchezza e intorpidimento sono normali. Per qualche giorno un certo gonfiore nella zona interessata è normale in cui eviterà sforzi fisici, lavori pesanti e non solleverà pesi. Sarà utile per il riassorbimento delle ecchimosi e dell’edema un ciclo di linfodrenaggio manuale e l’uso di una pancera per il periodo suggerito dal chirurgo. Dovrà assumere i farmaci che Le sono stati prescritti e seguire attentamente le prescrizioni comportamentali postoperatorie. Si presenterà per le medicazioni successive, che di norma sono 4, secondo le scadenze che Le saranno comunicate.

Come sarà il post operatorio dell’ addominoplastica?

La prima notte cenerà leggero e dovrà essere accompagnato. Stanchezza e intorpidimento sono normali. Per qualche giorno un certo gonfiore nella zona interessata è normale in cui eviterà sforzi fisici, lavori pesanti e non solleverà pesi. Sarà utile per il riassorbimento delle ecchimosi e dell’edema un ciclo di linfodrenaggio manuale e l’uso di una pancera per il periodo suggerito dal chirurgo. Dovrà assumere i farmaci che Le sono stati prescritti e seguire attentamente le prescrizioni comportamentali postoperatorie. Si presenterà per le medicazioni successive, che di norma sono 4, secondo le scadenze che Le saranno comunicate.

Quando potrò riprendere le mie attività normali?

Le normali attività possono essere riprese gradualmente mediamente dopo 20 giorni.

Come sarà il risultato?

Con l’ addominoplastica dell’uomo, l’addome viene rassodato e le pieghe addominali eliminate. La sottile cicatrice che rimarrà sarà facilmente nascosta sotto uno slip. I risultati sono in ogni modo legati a fattori come stile di vita, sbalzi ponderali e invecchiamento

I numeri della dermolipectomia addominale

  • Durata dell’intervento: 60 min.
  • Medicazioni post operatorie: 4 sedute
  • Tempo di permanenza in clinica: 8 ore
  • Ritorno al sociale: 20 giorni
  • Esposizione solare: 60 giorni dopo la chirurgia e comunque solo dopo il nulla osta del chirurgo

Più informazioni sull’ addominoplastica

È possibile fare l’addominoplastica anche se sono già presenti cicatrici, come ad esempio quella di un parto cesareo?
Sì, con la rimozione della losanga di cute e grasso, il chirurgo provvede ad eliminare anche le cicatrici che si trovano nella zona del basso addome. In tal modo è possibile, oltre che rassodare la cute, anche allestire un unico segno chirurgico esteticamente accettabile. Altre domande risposte: Addominoplastica faq