Un solo intervento per levigare le rughe e rassodare i tessuti. Rapido, meno invasivo di ieri e di lunga lunga durata. È il lifting della nuova generazione (che non ha voglia di invecchiare!)

Pelle effetto “tirato”, espressione imbambolata, mimica artificiale. E soprattutto paura del ricovero ospedaliero, terrore di soffrire, timore che “si veda”. Sono questi i freni che molte donne sentono nei confronti del lifting, l’intervento che, per eccellenza, promette di ringiovanire il viso. Ma non sempre i timori espressi sono veramente realistici, anche perché c’è lifting e…Lifting.

Oggi è davvero possibile rinfrescare efficacemente il viso in una sola giornata, senza lo stress chirurgico del ricovero e ottenere risultati inediti e molto naturali. Solo nei centri d’eccellenza. Facciamo luce…

Lifting del viso ad effetto naturale

Oggi sappiamo bene che bellezza fa rima con naturalezza: “La chirurgia  estetica progredisce in quest’ottica” approfondisce il dottor Carlo Alberto Pallaoro, specialista in chirurgia plastica a Padova, che annovera lustri d’esperienza in merito. “La tecnica chirurgica si è evoluta al punto tale da ottenere non solo un risultato molto sobrio e naturale – riprende lo specialista –  ma anche da resistere a lungo agli attacchi del tempo, favorendo un invecchiamento più armonico”. È sottintesa ovviamente una certa abilità, perizia e senso estetico del chirurgo stesso, una sorta di figura che si muove in un campo al limite tra scienza ed arte.

Lifting muscolo cutaneo

La procedura adottata dal dottor Pallaoro è infatti differente al tipo di lifting di vecchia concezione, e prende in considerazione non solo la parte superficiale del viso, la pelle, ma anche le strutture muscolari sottostanti. “Il cedimento dei tessuti cutanei è in gran parte dovuto al cedimento profondo dei muscoli, che hanno subito una ptosi e si trovano in posizione alterata rispetto alle condizioni di una persona giovane”, specifica il dottor Pallaoro. Perciò sarebbe inutile “tirare” soltanto la pelle: “perché le strutture muscolari provocherebbero un nuovo cedimento. I risultati di questo vecchio lifting sono noti; la mimica facciale è come limitata e il viso è innaturalmente liscio, quasi da bambola”.

Non è necessario il ricovero: Day Surgery

Un consistente numero di potenziali pazienti si arresta di fronte alla prospettiva di un intervento che prevede degenza ospedaliera. Oggi le procedure chirurgiche e le avanzate tecniche di anestesia locale con sedazione profonda consentono una chirurgia estetica realizzata in giornata: “il paziente si avvicina con maggiore serenità, perché i disagi ben noti dell’anestesia generale sono scongiurati e potrà tornare a casa in sicurezza la sera stessa”, specifica il dottor Pallaoro.

Il momento per definire precisamente il disegno dell’intervento e adattare a ciascun viso la procedura è la visita preliminare. “In questa sede – riferisce il dottor Pallaoro – si valuta se intervenire su tutto il viso o se limitare il lifting a singole porzioni che mostrano maggiore cedimento. Il buon lifting è sempre personalizzato”.