Tecnica del lipofilling seno per modellare e aumentare il seno

A differenza della tradizionale chirurgia di mastoplastica additiva, il lipofilling al seno comporta in realtà due procedure distinte: la raccolta e l’iniezione. Le cellule adipose vengono acquisite attraverso uno dei diversi tipi di liposuzione. Una volta raccolte attraverso una siringa, le cellule vengono trattate e preparate prima di procedere al trapianto. Ciò comporta la rimozione di anestetici, lipidi, e fluidi medici dall’adipe.

L’obiettivo è quello di ottenere cellule di grasso sane dividendole da a altri tessuti, al fine di aumentare la probabilità di di successo del trasferimento delle cellule riducendo la possibilità di iniettare sostanze indesiderate con il grasso. Più salutare e puro è il materiale iniettato, maggiore è il rendimento delle cellule di grasso.

Consulenza online
Prenota visita
Costi della chirurgia

Il sistema PureGraft prodotto da Cytori Therapeutics, e approvato dalla Food and Drug Administration nel 2010 per l’utilizzo negli Stati Uniti, è in grado di preparare le cellule di grasso per il reinserimento in soli 15 minuti. Dopo il trattamento, le cellule adipose vengono accuratamente iniettate, goccia a goccia, attraverso decine di piccole iniezioni, nello spazio tra la pelle e la capsula che circonda il seno e / o dietro il seno, tra il petto e la parete toracica.

Questa tecnica meticolosa consente al chirurgo plastico di scolpire il seno così come desiderato. L’opinione medica è che se l’adipe viene iniettato in queste aree, sarà semplice monitorarlo a lungo termine ed evitare molti dei problemi significativi che potrebbero derivare se il grasso fosse iniettato all’interno del seno stesso. Tuttavia siccome i punti in cui vengono praticate queste iniezioni sono limitati, l’innesto di adipe nel seno può essere utile solo per una aumento modesto.

Esistono studi sull’efficacia funzionale dell’espansopre tissutale esterno denominato Brava System nel supportare la procedura prima dell’atto chirurgico e successivamente durante la convalescenza. La tensione prolungata e tridimensionale induce le cellule a replicarsi e creare gradualmete un nuovo tessuto sopra l’intera zona mammaria. Se si sceglie questa opzione per l’aumento del seno, il chirurgo illustrerà il funzionamento degli espansori tissutali esterni congiuntamente ad altre importanti informazioni pre operatorie durane il consulto iniziale e successivamente nella visita prima dell’intervento.

Il lipofilling de seno è una tecnica delicata

Il lipofilling è una tecnica per il trasferimento di tessuto adiposo da una zona del corpo ad un’altra. Quando le cellule adipose vengono trapiantate, si deve creare una neo vascolarizzazione per nutrire le stesse. Se entro un tempo ragionevolmente breve le cellule non vengono alimentate, queste moriranno e si formerà un segno laddove è avvenuto il loro riassorbimento. Questo meccanismo non desta preoccupazioni quando la tecnica viene eseguita sui glutei, sul viso o altre zone del corpo. Diventa invece delicato quanto si esegue il lipofilling al seno. Questi segni residui dal riassorbimento delle cellule non alimentate in tempo possono comportare confusione in particolare con il tumore mammario. Durante la mammografia si potrebbe interpretare il segno in questione come un tumore al seno allarmando la paziente. Ancor peggio si potrebbe interpretare un tumore mammario come segno residuo del lipofilling e non procedere con gli opportuni accertamenti e terapie.