Scegliere la giusta dimensione delle protesi mammarie

Dagli esercizi per valorizzare il seno praticati dalle ragazzine, alle prosperose modelle e attrici patinate presenti su tutte le riviste, alla televisione e in internet, non c’è da stupirsi che così tante  donne siano ossessionati dalla misura del loro seno.

Questo è il motivo per cui così tante donne desiderino aumentare il volume del proprio seno e scelgano ogni anno di sottoporsi ad un intervento di mastoplastica additiva.

Ma una volta deciso di sottoporsi all’intervento di chirurgia estetica al seno, come si fa a decidere qual è la grandezza della protesi più adatta? Più grande è sempre miglio?

Queste sono alcune delle domande più importanti a cui rispondere quando si ha l’aumento del seno. Le risposte variano in base all’anatomia e agli obiettivi, ma avere un’idea chiara di quanto grande lo si vuole, prima dell’intervento chirurgico, rappresenta un grande passo avanti nel cammino verso la vostra soddisfazione per i risultati ottenuti.

Decidere la grandezza del seno è una decisione personale. Solo perché la vostra vicina di casa è passata da una coppa A ad una C piena, non significa che voi dobbiate fare lo stesso. Vi sono molti fattori importanti da tenere a mente quando si sceglie la nuova dimensione del proprio seno.

Consulenza online con supporto fotografico sulla chirurgia estetica del seno

 

La giusta taglia prendendo in considerazione la costituzione fisica

La stessa protesi non è adatta a tutte le taglie. Vi sono diversi tipi di protesi adatti a differenti misure. Generalmente le protesi usate un Europa e negli Stati Uniti sono al gel al silicone.

Ogni donna mette sul tavolo delle scelte la propria costituzione fisica. Non vi è alcun sostituto per misure accurate. Il chirurgo deve stabilire l’ampiezza del petto, la larghezza della base del seno e la distanza che intercorre fra i vostri seni.

Altri fattori importanti sono l’elasticità o il rilassamento della pelle. Per ottenere un aumento di successo è opportuno avere abbastanza tessuto sufficiente a ricoprire le protesi. È altrettanto importante essere sicuri che i vostri seni siano regolari (simmetrici).

Parla dei propri obiettivi

Parla con il chirurgo delle vostre preferenze circa la grandezza del seno. Puoi portare anche immagini di seni che trovi attraenti. Ciò servira al chirurgo per capire meglio le aspettative. Racconta al chirurgo cosa ti piace di questi seni, cercando di andare quanto più possibile nello specifico. Questa discussione ci aiuterà ad approfondire il più precisamente possibile cosa desideri ottenere dalla mastoplastica additiva, e ancora più importante, se è ciò sia ottenibile.

Dimenticate le taglie del reggiseno

Non tutti i reggiseno sono uguali. Una coppa C di una marca è diversa da quella di un’altra. Non vi è alcuna standardizzazione. Pensando al risultato, dire al chirurgo che si desidera ottenere una C o una D, non significa nulla. Questi infatti sono termini relativi che possono far partire una discussione ma di sicuro non rappresentano l’ultima parola nella decisione della misura del proprio seno.

Esprimiti in volumi

Se non si può parlare di taglie del reggiseno come è possibile esprimere i propri desideri? Il volume e la misura delle protesi del seno sono misurate in centimetri cubici (cc). Le dimensioni delle protesi vanno dai 120 cc agli 850 cc. Molte donne possono farsi prendere dai cc senza prendere in considerazioni variabili individuali come il tipo di corpo e il tessuto. Quando si prende in considerazione i cc che si vogliono bisogna ricordarsi che la differenza fra un impianto da 300 cc e uno da 360 è solo di 56 grammi.

Non contate sulla scollatura

Seni grandi non significa necessariamente una maggior scollatura. La scollatura infatti è legata allo spazio naturale fra i seni oltre che alla loro misura. Con un seno più grande la scollatura solitamente aumenta, ma più è ampio lo spazio tra i seni, meno gli impianti avranno effetto sul vostro decolleté.

Svolgere il proprio compito

Non puoi mai sapere quale sia la misura più giusta a meno che non lo sperimentiate. Vi sono alcuni modi per determinare quale aspetto sia il migliore per la vostra costituzione fisica senza effettivamente sottoporsi a chirurgia plastica. Uno dei modi più popolari è denominato la prova del riso.

La prova del riso

Prendete un calzino alto fino al ginocchio e riempitelo di riso. Per iniziare provate con 300 cc o 350 cc. Ci sono 30 cc per grammo, il che significa che 10gr equivalgono a 300 cc. Per precisione utilizzate un misurino. Appiattite il riso nel calzino e inseritelo all’interno del vostro reggiseno non imbottito. Che ve ne pare? Ora potete aggiungere o sottrarre riso a seconda di ciò che vedete.

Alcune donne preferiscono utilizzare l’acqua all’interno di una borsa chiusa per farsi un’idea della dimensione della protesi.

Pagine collegate:

  1. Mastoplastica additiva
  2. Mastoplastica additiva foto
  3. Incisioni della mastoplastica additiva
  4. Sede della protesi al seno
  5. Mastoplastica additiva costo
  6. Mastoplastica additiva complicanze

 

Chirurgia del seno. Ora mi vedo cosi come volevo.

L’operazione è andata bene, ha avuto successo. Ora mi vedo cosi come volevo. Mi ha aiutato anche nel sentirmi più sicura di me stessa. Il professore mi ha operato in modo fantastico lasciandomi poche (nessuna) cicatrice.

R.M. 44 anni - Bergamo | Testimonianze della mastoplastica additiva