Naso aquilino

Naso aquilino è quello che ha una forma tale da ricordare a punto la forma del becco di un aquila. Tale profilo è dato da una particolare sporgenza del dorso osseo e cartilagineo. Il naso aquilino è “egocentrico” perché tende a rubare l’attenzione degli altri. In effetti anche gli occhi più espressivi non potranno essere meritatamente apprezzati in presenza di un naso aquilino importante.

Il naso aquilino può essere natura genetica. Quando uno dei genitori ha questo inestetismo è molto probabile che lo stesso venga trasmesso ai figli. In altri casi invece il naso può diventare aquilino a seguito di un trauma.

L’intervento di chirurgia estetica per correggere questo difetto è la rinoplastica. L’intervento avrà la finalità di armonizzare il dorso del naso asportando la porzione sporgente di osso e cartilagine..

Cosa è il naso aquilino?

Il termine “naso aquilino” deriva dalla somiglianza con il becco curvo dell’aquila e si riferisce a un naso che presenta una sporgenza o una gobba prominente sulla linea del dorso. Questa caratteristica può essere più o meno evidente e può influenzare l’armonia del profilo facciale della persona.

Cause del naso aquilino

Il naso aquilino è caratterizzato da una curvatura prominente del dorso del naso, che può dare l’aspetto di una “gobba” o di un naso adunco. Ci sono diverse cause possibili per questa caratteristica anatomica, che possono essere suddivise in due categorie principali: cause genetiche e cause acquisite.

Cause genetiche:

  1. Ereditarietà: Il naso aquilino può essere il risultato di caratteristiche ereditate dai genitori. Alcune famiglie possono avere una predisposizione genetica a questo tipo di naso.

Cause acquisite:

  1. Infortuni o traumi: Una frattura o un trauma al naso possono causare una deviazione o una curvatura del dorso nasale, che può risultare in un aspetto aquilino.
  2. Malattie nasali: Alcune condizioni mediche, come la rinite cronica, la sinusite o altre malattie che causano infiammazione o deformità delle strutture nasali, possono influire sulla forma del naso.
  3. Malformazioni congenite: Alcune malformazioni congenite del naso possono contribuire alla formazione di un naso aquilino. Ad esempio, la sindrome di Crouzon o la sindrome di Apert sono caratterizzate da alterazioni scheletriche facciali, che possono includere un naso prominente o adunco.
  4. Processo di invecchiamento: Con il passare degli anni, la struttura ossea del viso può subire cambiamenti, compresi quelli che possono influire sulla forma del naso. L’indebolimento delle strutture di sostegno può portare a un aspetto più aquilino del naso.

È importante notare che il naso aquilino può essere considerato semplicemente una caratteristica estetica e non necessariamente una condizione medica o un problema di salute. Tuttavia, se il naso aquilino causa disagio fisico o emotivo significativo, è consigliabile consultare un medico o un chirurgo plastico per valutare le opzioni di trattamento, come la chirurgia estetica del naso (rinoplastica), se appropriato.

Videotestimonianza naso aquilino

Anatomia

Anatomicamente, un naso aquilino è caratterizzato da una struttura ossea e cartilaginea che crea una protuberanza visibile o “gobba” lungo il dorso nasale. Questa gobba è tipicamente formata dall’angolo tra l’osso nasale e la cartilagine laterale superiore. La punta del naso può anche essere inclinata verso il basso, dando l’impressione di un becco.

Naso aquilino: Rinoplastica giovane donna
Naso aquilino: Rinoplastica uomo

Considerazioni sulla salute

Sebbene un naso aquilino sia spesso una preoccupazione estetica, non è raro che presenti anche problemi funzionali. Spesso la piramide nasale con un dorso molto sporgente, presenta anche altre anomalie strutturali come la deviazione del setto nasale oppure le cavità nasali non del tutto pervie. Durante la visita medica con il dott. Pallaoro si verificherà non solo l’aspetto estetico del naso ma anche la funzionalità dello stesso.

Paziente adatto

La rinoplastica è un intervento che riesce a modellare il naso molto efficacemente e quasi tutti gli inestetismi si possono correggere ottenendo risultati quasi sempre molto soddisfacenti. Il paziente adatto dovrà essere portatore di un’aspettativa realistica in merito al risultato. Aspettative non realistiche comportano insoddisfazione nel post operatorio. E’ necessario che lo stato di salute del candidato sia adatto allo sforzo chirurgico. Ciò verrà attestato con gli esami clinici pre operatori.

Obiettivo dell’intervento

Il naso aquilino è l’inestetismo a carico della piramide nasale più frequente in Italia. I difetti estetici spesso sono legati a specifiche etnie e quindi possono anche essere in qualche maniera descritti geograficamente. Mentre in Italia questo inestetismo è molto frequente, in Giappone – ad esempio – è un inestetismo completamente assente.

La finalità dell’intervento di rinoplastica in questo caso è di quella modificare la forma del dorso rimuovendo il gibbo e quindi addolcendo il profilo del viso. Il dorso del naso sarà dritto o leggermente concavo. Nel paziente maschio la correzione del naso dovrà evitare di rendere il viso poco virile.

 Naso aquilino: L’intervento di rinoplastica

La rinoplastica eseguita alla Pallaoro Medical Laser è realizzata con la tecnica “chiusa”. Nessuna incisione esterna alle narici viene eseguita e di conseguenza non si lasciano cicatrici visibili. La procedura di chirurgia nasale è svolta in anestesia locale combinata ad una sedazione profonda che evita al paziente di essere vigile durante l’intervento chirurgico. La durata media di solito non supera i 30 minuti (escluso il tempo di preparazione e di medicazione post operatoria). Subito dopo la fine della rinoplastica il paziente rimane in osservazione e poi viene trasferito nella sua stanza di degenza. Normalmente il regime chirurgico è quello del day surgery in quanto non è necessaria alcuna attività medica nelle ore successive.