tecniche per ringiovanire il viso

Chi non vorrebbe essere giovane per sempre. Non è possibile! Avere un aspetto giovane più a lungo negli anni è attualmente fattibile e sempre in maniera più efficace. In questa pagina ti raccontiamo tutti gli interventi chirurgici estetici e trattamenti di medicina estetica efficaci per ringiovanire il viso con risultati certi. Il mercato della “giovinezza estetica” è pieno di prodotti che promettono miracoli e invece sono privi di qualunque consistenza scientifica.

Quali sono gli interventi e trattamenti più importanti per ringiovanire il viso?

Ci sono molte procedure finalizzate al ringiovanimento totale o parziale del viso. Alcuni sono chirurgici, altri sono meno invasivi ed infine ci sono quelli mini invasivi. Procediamo qui a descrivere queste procedure in ordine di invasività crescente:

  1. Botulino
  2. Filler
  3. PRP
  4. Hifu
  5. Needling
  6. Laser
  7. Mini lifting
  8. Blefaroplastica
  9. Lifting viso

1. Correggere le rughe mimiche con il botulino

Le iniezioni di botulino sono il trattamento mini invasivo più richiesto al mondo per le correzione delle rughe causate dalla mimica facciale (rughe frontali, glabellari e zampe di gallina). Il trattamento mira alla riduzione temporanea di specifici muscoli in maniera tale che la diminuzione della mimica causerà la distensione della cute e quindi la correzione di questo tipo di rughe. Il risultato è molto buono e dura 6 mesi.

2. Ringiovanire con il filler

Il filler è un dispositivo medico iniettabile composto da acido ialuronico. Questa sostanza – presente in maniera naturale sui tessuti umani – è impiegata per riempire le rughe statiche, correggere precocemente pieghe cutanee (es. piega nasogeniena), modellare zone del viso (es. labbra) o modulare volumi facciali (es. zigomi). Il risultato è molto buono e dura da 6 a 24 mesi in funzione del tipo di filler e finalità del trattamento.

3. Plasma Ricco di Piastrine (PRP)

Si tratta di un trattamento di medicina rigenerativa basata sull’azione delle piastrine e dei fattori di crescita piastrinici. Si esegue un prelievo ematico e centrifugando il sangue si ottiene alcuni centimetri cubici di plasma arricchito di piastrine e fattori di crescita piastrinici. Questi vengono iniettati sul tessuto cutaneo invecchiato inducendo processi rigenerativi cellulari. Il PRP richiede un ciclo di sedute e offre risultati buoni. Non si tratta di un trattamento come i due precedenti che trattano un difetto estetico specifico. Si tratta invece di un miglioramento tissutale sostanziale e cioè induce il ringiovanimento cutaneo. La durata del risultato dopo un ciclo di trattamenti è prolungata ma dipende ma molti fattori.

4. Hifu, ustioni sottopelle

La tecnologia di ultrasuoni focalizzati ad alta intensità ha la finalità di creare dei punti termici sottocutanei. Le tantissime piccole ustioni controllate sotto pelle inducono un processo riparativo che comporta una buona retrazione cutanea e l’ispessimento della pelle assottigliata con l’invecchiamento. Il risultato è progressivo e durevole.

5. Needling, micro aghi per ringiovanire

Questo trattamento impiega un piccolo rullo con micro aghi con la finalità di produrre sempre a livello del derma un insieme di lesioni. Tali lesioni inducono la pelle a ripararsi producendo una guarigione che rassoda e rende più spessa la cute. Si verifica inoltre una efficace azione di richiamo di piastrine e fattori di crescita. Il needling si può usare per ringiovanire il viso, trattare gli esiti cicatriziali da acne, rassodare la pelle in generale e ridurre le smagliature e le cicatrici. Il risultato si raggiunge in maniera progressiva con almeno 3 sedute ed è molto buono.

6. Ringiovanire con il laser frazionato

Questa è la tecnologia mini invasiva più avanzata a disposizione della chirurgia estetica. Questo speciale laser produce migliaia di fori microscopici sulla pelle profondi fino al derma. Si ottiene così una reazione molto articolata basata sulla reazione del corpo alla lesione (foro) e al danno termico. In pratica il laser frazionato è un peeling profondo ma solo su una piccola percentuale della pelle. Ciò permette una guarigione estremamente veloce con rischi molto minori rispetto al tradizionale peeling laser o laser resurfacing. E’ indicato per il ringiovanimento del viso, le macchie cutanee, le cicatrici d’acne ed esiti cicatriziali in generale.  Il risultato del trattamento laser è molto buono e può durare anni o addirittura essere permanente.

7. Mini lifting del viso

Si tratta di procedure chirurgiche finalizzate a ringiovanire un settore del volto. Comportano la rimozione della pelle in eccesso e il sollevamento della pelle cadente. I mini lifting comportano la formazione di una cicatrice quasi sempre nascosta. Il risultato è molto buono, i tempi di guarigioni sono mediamente di 7/10 giorni e la durata del risultato è pluriennale.

8. Blefaroplastica per ringiovanire lo sguardo

E’ l’intervento di lifting delle palpebre cadenti. Si rimuove una porzione di tessuto cutaneo palpebrale in eccesso donando allo sguardo un aspetto giovane e luminoso. La cicatrice della blefaroplastica rimane nascosta nella piega palpebrale. Il risultato è molto buono, il tempo di guarigione mediamente è di 7 giorni e la durata del risultato è pluriennale.

9. Lifting del viso

Si tratta della procedura di chirurgia estetica per il ringiovanimento totale del viso. Prevede l’asportazione della pelle in eccesso da tutti i distretti facciali ed il sollevamento della struttura cutanea. Il risultato del lifting del viso è strutturale e pluriennale. Il lifting al viso eseguito correttamente rievoca l’aspetto del paziente di un decennio prima. La guarigione può richiedere fino a 14 giorni.