Trapianto capelli post ustione riabilita l’immagine del paziente

La calvizie può essere dovuta anche a eventi traumatici. Questo paziente presenta una estesa calvizie occipitale a seguito di una ustione che ha reso una porzione del cuoio capelluto completamente glabro. Il tessuto rimasto non è normale ma si presenta con caratteristiche cicatriziali. Il paziente non presenta alopecia androgenetica intesa come calvizie comune con diradamento dei capelli.

Per “riabilitare” esteticamente il paziente è stata programmata una seduta di trapianto capelli con tecnica Micro FUE. La zona interessata richiederà un trapianto da 2500 unità follicolari circa.

Trapianto capelli post ustione

Correzione della calvizie traumatica post ustione

La tecnica Micro FUE è molto adatta a ripristinare la zona calva dopo una ustione perché riesce a impiantare i follicoli facendo incisioni millimetriche più coerenti con il tipo di tessuto cutaneo fibroso. Le unità follicolari sono state impiantate in maniera completamente analoga al lato controlaterale. Sono stati copiati inclinazione e direzione dei capelli in maniera tale da massimizzare la naturalità del risultato.

Per accelerare il processo di ricrescita sono state eseguite 3 sedute di PRP (plasma ricco di piastrine). La ricrescita è iniziata poco prima del terzo mese.

Trapianto capelli post ustione

Trapianto capelli post ustione. Un risultato ottimale.

Trapianto capelli post ustione: Tecnica chirurgica

La procedura Micro FUE è suddivisa in cinque fasi che richiedono capacità chirurgica di rilievo ed esperienza medica.

Fase 1: Preparazione del caso
Si disegna la zona ricevente secondo il programma determinato in sede di visita e si circoscrive l’area per l’espianto delle unità follicolari. Comunemente il paziente è rasato ma in taluni casi si potrà scegliere la variante di trapianto interfollicolare. Si convalida il numero programmato di singole unità follicolari (U.F.) da trapiantare e la specifica distribuzione. Una variabile rilevante che circoscrive la nostra chirurgia è il numero di follicoli disponibili nell’area donatrice. Se la disponibilità follicolare è limitata si dovrà distribuire i follicoli trapiantati in maniera “strategica”.
Finalmente si procede con l’iniezione nella zona interessata dell’anestetico locale per controllare il dolore e dell’ andrenalina per limitare il sanguinamento. trapianto di capelli Micro FUE è completamente indolore e senza perdita di sangue.

Fase 2: Espianto dei follicoli
Il prelievo del numero delle unità follicolari determinato è eseguito impiegando uno strumento chirurgico del diametro di 700 µm. I micrograft vengono prelevati uno a uno e possono essere mono o pluri follicolari. In questa fase è fondamentale la capacità del chirurgo estetico perché bisognerà prelevare i follicoli in piena vitalità.

Fase 3: Classificazione e conservazione delle unità follicolari
Le unità follicolari devono essere classificati per numero di bulbi contenuti. Quelli monofollicolari sono destinati alla realizzazione dell’ attaccatura dei capelli. Quelli con 2 o più follicoli vengono utilizzati nelle zone interne. Successivamente i follicoli vengono immagazzinati in una specifica soluzione e a bassa temperatura controllata. Se il metodo di conservazione è scorretto, la vitalità delle U.F. sarà molto minore.

Fase 4: Creazione dell’incisioni per l’impianto
In questa fase si devono realizzare i micro canali che accoglieranno i graft. Tali fessure sono aperti impiegando uno specifico micro bisturi (1 millimetro). È un momento rilevante per il risultato in quanto la creazione dei fessure determina dove si procederà con l’impianto, con quale angolo e con quale densità capillare. La capacità chirurgica acquisita ci permette d’impiantare un numero rilevante di graft (unità follicolari) per centimetro quadrato. Tecnicamente siamo capaci d’impiantare più di 100 unità follicolari per centimetro quadrato. Questa è una densità maggiore di quella normale.

Fase 5: Impianto delle U.F.
Per ultimo si esegue l’ impianto delle U.F. nelle micro incisioni. Con pinze da micro chirurgia le unità follicolari vengono maneggiate delicatamente in maniera da alloggiarli all’interno delle micro incisioni e rispettando la normale angolazione dei capelli già presenti nell’area. Dato che sono qualche migliaia i graft da impiantare, la velocità d’azione è importante perché riduce il tempo di presenza dei capelli sulla piastra di Petri. Alla fine dell’ impianto dei graft si copre la testa con una bandana morbida e non compressiva.